You are currently viewing OIPA Roma: no all’asta i cinghiali catturati nelle riserve

OIPA Roma: no all’asta i cinghiali catturati nelle riserve

RomaNatura, ha messo all’asta esemplari catturati vivi nelle Riserve naturali della Marcigliana e dell’Insugherata. Oipa Roma interviene con un duro comunicato stampa.

ROMANATURA METTE ALL’ASTA I CINGHIALI CATTURATI NELLE RISERVE. OIPA. «GLI ANIMALI SONO ESSERI SENZIENTI NON OGGETTI, COME AFFERMA IL TRATTATO DI LISBONA»

L’Oipa invita Regione Lazio ed enti gestori dei parchi e delle riserve a cambiare passo dimostrando un maggiore rispetto per gli animali tutti

A Roma i cinghiali vanno all’asta a un euro al chilo. RomaNatura, ente regionale presieduto da Maurizio Gubbiotti, ha messo all’asta esemplari catturati vivi nelle Riserve naturali della Marcigliana e dell’Insugherata. Lo rende noto l’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa) evidenziando come, anche in Regioni e Comuni dove le amministrazioni si dichiarano “ambientaliste”, ancora si ricorre a procedure amministrative non etiche nelle quali gli animali sono considerati meri oggetti.

«L’apertura delle buste si è svolta lo scorso 9 marzo», dichiara la delegata dell’Oipa di Roma, Rita Corboli. «Nella gestione della fauna della capitale e della Regione Lazio ancora siamo molto lontani dal recepimento del Trattato di Lisbona del 2007, che tutela gli animali in quanto “esseri senzienti”».

La triste asta di RomaNatura non è un caso isolato. Un’analoga asta di cinghiali si è svolta lo scorso ottobre indetta dal Parco naturale regionale di Veio.«Cedere all’asta cinghiali vivi catturati in parchi protetti per farne carne da macello in aziende venatorie o allevamenti a scopo alimentare è quanto meno discutibile», conclude l’Oipa di Roma. «Chiediamo alla Regione Lazio e agli enti di gestione delle riserve che non si ricorra più a queste procedure e che si passi a una gestione etica della fauna della nostra Regione perché questa è di proprietà indisponibile dello Stato, cioè di tutti i cittadini, la stragrande maggioranza dei quali è contraria alla caccia e, immaginiamo, anche alla cattura di animali vivi destinati ad andare all’incanto».

Ricordiamo cosa stabilisce il Trattato di Lisbona all’articolo 13: “Nella formulazione e nell’attuazione delle politiche dell’Unione nei settori dell’agricoltura, della pesca, dei trasporti, del mercato interno, della ricerca e sviluppo tecnologico e dello spazio, l’Unione e gli Stati membri tengono pienamente conto delle esigenze in materia di benessere degli animali in quanto esseri senzienti, rispettando nel contempo le disposizioni legislative o amministrative e le consuetudini degli Stati membri per quanto riguarda, in particolare, i riti religiosi, le tradizioni culturali e il patrimonio regionale”.

L’Oipa invita Regione Lazio ed enti gestori dei parchi e delle riserve protette a riflettere e a cambiare passo dimostrando un maggiore rispetto per gli animali tutti.

Fonte e foto: https://www.facebook.com/OipaRoma/posts/3922039241194111

Lascia un commento